Art. 1: Comitato Tecnico Nazionale

E’ istituito in seno alla FederScout un Comitato Tecnico Nazionale – CTN. I compiti del CTN sono i seguenti:

organizzazione di attività nazionali per le branche;
stampa federale;
creazione e gestione dei siti internet della FederScout;
distintivi e capi dell’uniforme federali.

Art. 2: Composizione

Il CTN è composto dagli incaricati tecnici delle Associazioni della FederScout, scelti con criteri interni a queste ultime, con un voto per ogni Socio Effettivo, e parere consultivo per ogni Socio Aggregato della Federscout. I membri del CTN rimangono in carica per un triennio e sono tenuti a partecipare alle riunioni del CTN.

Art. 3: Coordinatore

I membri del CTN eleggono al loro interno un Coordinatore del Comitato Tecnico Nazionale -CCTN. Il CCTN rimane in carica per un triennio e può essere rieletto. I compiti del CCTN sono l’animazione e il coordinamento di tutte le delle attività del CTN tramite i vari incaricati.

Art. 4: Incaricati

Tra i membri del CTN, in base alle loro competenze, vengono scelti degli incaricati tecnici (Branca, Stampa, Protezione Civile, ecc.). Gli incaricati rimangono in carica per un triennio e possono essere rieletti. Compiti degli incaricati sono la realizzazione di attività di federali della branca o del settore di competenza.

Art. 5: Attività Federali

Tra le attività periodicamente organizzate dal CTN vi sono le seguenti: Rupe Nazionale (Capi e vice capi muta/sestiglia), Campo Nazionale Esploratori, Corsi per Capi Pattuglia, Squadriglia, Equipaggio, Pow Wow (Incontro delle Alte Pattuglia),Rover Moot, Indaba (Incontro Capi in collaborazione col Comitato Scuola Capi). E’ sempre di competenza del CTN, in collaborazione con il Responsabile Rapporti Internazionali, l’organizzazione di attività internazionali (EuroCamp, Workshop, ecc.). Un’attività tecnica, organizzata da un’associazione membro della FederScout, può essere considerata attività federale se ad essa vi partecipano almeno tre (3) associazioni compresa l’associazione organizzatrice. Tali attività devono avere inoltre, il benestare del CCTN.

Art. 6: Variazioni al Regolamento

Le variazioni al presente Regolamento sono approvate dal CTN. Il CTN è altresì autorizzato a stabilire le norme transitorie per quanto non previsto dal presente regolamento.